ANALISI DEL SANGUE VIVO AL MICROSCOPIO

6,00

Autore Rocco Palmisano

“Con orgoglio mi accingo a scrivere il primo libro in italiano sul testo del sangue vivo in campo oscuro. Questo tipo di analisi si conosce in tutto il mondo da circa 100 anni mentre è poco conosciuto in Italia. I vantaggi di questo semplice ed economico test sono impressionanti ma essendo stati abituati ad apprezzare le cose complicate e costose tendiamo a banalizzare ciò che è troppo semplice ed economico.

Pacchetto Q.tà Sconto
Sconto quantità 3 - 5 10 %
Sconto quantità 6 - 50 15 %
Categoria:
Descrizione

Descrizione

Autore Rocco Palmisano

“Con orgoglio mi accingo a scrivere il primo libro in italiano sul testo del sangue vivo in campo oscuro. Questo tipo di analisi si conosce in tutto il mondo da circa 100 anni mentre è poco conosciuto in Italia. I vantaggi di questo semplice ed economico test sono impressionanti ma essendo stati abituati ad apprezzare le cose complicate e costose tendiamo a banalizzare ciò che è troppo semplice ed economico.

Uno dei primi a studiare il sangue vivo è stato Antoine Béchamp, medico e biologo francese dell’800 il quale scoprì una particella vivente ancora più piccola della cellula umana che chiamò microzima.

Nelle prime decadi del ‘900 il prof. Ghunter Enderlein dedicò molti anni della sua vita per approfondire la metodica del sangue vivo in campo oscuro. Personalmente, sapevo di questo metodo d’indagine da molto tempo ma ho avuto l’opportunità d’apprenderlo 3 anni fa e di approfondirlo negli anni successivi con la pratica, la lettura di testi stranieri e la frequentazione di corsi intensivi.

Non è stato facile trovare un libro valido sull’argomento ed ottenerne i diritti di traduzione e pubblicazione in italiano. Il presente opuscolo sul tema del test del sangue vivo ha un mero scopo divulgativo mentre contemporaneamente sarà pubblicato un atlante didattico sulla Microscopia in Campo Oscuro per i professionisti sanitari che vorranno approfondire questo argomento ed utilizzare il test del sangue vivo nella loro professione.”